Riflessioni recenti

  • Home
  • Politica
  • Controllate le dichiarazioni dei Politici attraverso le fonti ufficiali

Controllate le dichiarazioni dei Politici attraverso le fonti ufficiali

La democrazia informata è la più grande conquista che Internet abbia garantito, questo comporta che ogni dichiarazione fatta da un politico possa essere verificata attraverso la lettura dei documenti ufficiali. Nella lite tra gli Onorevoli, sorta sul web, in merito agli emendamenti sulla vivisezione non bisogna schierarsi a priori, bensì occorre leggere gli atti ufficiali presenti nel sito della Camera dei Deputati e ragionare con la propria testa.

L’argomento è molto tecnico, il mio compito sarà quello di renderlo chiaro, anche ai non addetti ai lavori, per non avere difficoltà nella lettura dei testi normativi.

Lo scorso 1 febbraio 2012 si è discusso il Disegno di Legge afferente l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee.

Tra i vari argomenti uno in particolare ha riguardato il tema della sperimentazione farmaceutica sugli animali, più comunemente conosciuta come “vivisezione”, cioè la pratica di ricerca utilizzata nel campo della sperimentazione animale consistente nel testare farmaci e prodotti estetici su corpi vivi.

Un esempio tra i tanti: si prova una cremina antirughe su un cane lo si sollecita con luci, temperature estreme, non lo si lascia dormire per giorni, gli si provoca strofinio artificiale, dolore e poi lo si butta via dopo aver visto la tolleranza del corpo alla crema. Che furbata!
Questa barbaria vede nell’allevamento Green Hill il nemico storico, in quanto in questo allevamento vengono allevati cani di razza beagle destinati a morire sotto tortura nei vari test medici.

Il testo in discussione ha la finalità di interrompere questo ciclo vizioso: da una parte salvando migliaia di animali, dall’altra assicurando alla scienza sperimentazioni etiche affidate all’analisi molecolare in laboratorio.

In Internet, in cui si garantisce la trasparenza è stata pubblicata la lista dei nomi e facce dei parlamentari che hanno supportato i seguenti emendamenti: 16.58 Patarino, Raisi (Gruppo FLI) “Al comma 1, sopprimere la lettera c)” e 16.59 Patarino, Raisi (Gruppo FLI) “Al comma 1, lettera f), aggiungere, in fine, le parole:, a meno che non risultino obbligatori sulla base di legislazioni o di farmacopee nazionali o internazionali”

Cosa avrebbero provocato questi emendamenti:

1 – Soppressione dell’art.1 lett. c) vietare l’allevamento di primati, cani e gatti destinati alla sperimentazione di cui alla lettera b) su tutto il territorio nazionale; QUINDI VUOL DIRE CONTINUARE AD ALLEVARE ANIMALI PER GLI ESPERIMENTI; Il paragrafo alla lett b) afferma: vietare l’utilizzo di scimmie antropomorfe, cani, gatti ed esemplari di specie in via d’estinzione a meno che non risulti obbligatorio in base a legislazioni o farmacopee nazionali o internazionali o non si tratti di ricerche finalizzate alla salute dell’uomo o delle specie coinvolte, condotte in conformità ai princìpi della direttiva 2010/63/UE, previa autorizzazione del Ministero della salute, sentito il Consiglio superiore di sanità;

2 – Al comma 1, lettera f), aggiungere, in fine, le parole:, a meno che non risultino obbligatori sulla base di legislazioni o di farmacopee nazionali o internazionali. QUINDI SAREBBE STATO MODIFICATO L’ARTICOLO IN MODO DA NON USARE ANESTESIA O ANALGESIA SUGLI ESPERIMENTI EVENTUALMENTE NECESSARI. MA SIAMO PAZZI? Rigettato l’emendamento l’art. 1 lett. f è rimasto: f) vietare gli esperimenti che non prevedono anestesia o analgesia, qualora provochino dolore all’animale.

Gli attenti attivisti, ai quali dobbiamo esser tutti grati per il controllo che esercitano in Rete, hanno pubblicato la lista degli onorevoli che hanno votato a favore di questi emendamenti al fine di dimostrare come democraticamente hanno ritenuto di dover prendere una determinata posizione.

Viceversa i promotori degli emendamenti hanno ritenuto di assumere questa posizione difensiva, o meglio chiarificatrice, che trovate qui.

Ora avete a disposizione gli atti parlamentari, l’azione posta dagli attivisti, la replica dei parlamentari coinvolti.

Il mio compito termina qui, mi premeva rendervi edotti degli strumenti che servono per esercitare la vostra libertà di opinione: ricercare tutte le fonti informative; leggere attentamente; maturare una libera opinione; decidere di conseguenza.
Aprite le menti, Internet e la trasparenza ci guidano.

Ecco l’elenco completo degli onorevoli a favore dell’emendamento:
Patarino-Raisi (FLI) Camera atti parlamentari :
PDL gli onorevoli Abrignani, Barbieri, Castiello, Galli, Giro, Nola, Rossi Luciano, Simeoni, Valentini;
FLI gli onorevoli Barbaro, Briguglio, Consolo, Conte Giorgio, Della Vedova, Di Biagio, Granata, Lo Presti, Menia, Moroni, Muro, Napoli (Angela), Paglia, Patarino, Proietti Cosimi, Raisi, Ruben, Scanderbech, Toto;
UDC gli onorevoli Binetti, Bonciani, Carlucci, Testa (Nunzio);
Radicali gli onorevoli Bernardini, Farina Coscioni e Turco (Maurizio);
Lega Nord gli onorevoli Bragantini, Buonanno, Comaroli, Crosio, Dal Lago, Fugatti, Negro, Pini, Polledri;
PD, Portas e Tempestini,
Popolo e Territorio, Orsini e Ruvolo

Commenti

commenti su Facebook

Lascia un commento