Riflessioni recenti

Perizia grafologica Matthias Schepp svelato il mistero

Ho affrontato qui il caso della strana perizia grafologica, riportata dal TG5, afferente il biglietto lasciato dal Sig. Matthias Schepp prima di suicidarsi.

Qualche giorno dopo sono rimasto stupito nel constatare sia il numero di visite giunte sul blog sulla presunta perizia, sia l’immediato “oscuramento” su YouTube del video in cui veniva riportato il servizio del TG5.

Qualche giorno fa, ho visto il video estratto dalla trasmissione “Chi l’ha visto?” e i miei sospetti sono stati confermati: il biglietto è un tarocco nato per esigenze televisive e giornalistiche.

A farne le spese è stata la Dott.ssa Candida Livatino alla quale hanno sottoposto un foglio con un “font di stampa” e sul quale, è il caso di dire, “candidamente” ha svolto una perizia.

In Internet molti hanno attaccato la nota professionista accusandola di scarsa professionalità, non concordo sulle accuse in quanto, avendo avuto esperienze televisive, vi posso garantire che nel breve spazio di un’intervista – con la telecamera che incalza –  non è possibile valutare ogni elemento in assoluta tranquillità.

Alla Dott.ssa Candida Livatino non hanno sottoposto il foglio originale, ma una semplice riproduzione-taroccata pertanto non poteva accorgersi della pressione impartita dalla mano sul foglio.

Sulla lingua e sul font utilizzati si è fidata, è vero, ma di questo non possiamo colpevolizzarla visto il poco spazio di riflessione che ha avuto a disposizione.

Questo il video che svela il mistero:

Commenti

commenti su Facebook

3 Comments

  • Il buon Mercuzio

    9 Maggio 2011 at 00:12

    imperdonabile la superficialità della dott.ssa, possibile che non si accorge della linearità del testo o della perfezione con cui sono riprodotte le stesse lettere (la ‘t’ su tutte) ?
    Ingiustificabile a mio parere… :-O

  • bruno

    21 Maggio 2011 at 15:19

    Se la dottoressa non è stata in grado di distinguere un font di stampa dalla scrittura a mano, mi pare che sia tutt’altro che esperta. Anche un bambino ormai capisce la differenza. Un’esperta di calligrafia non nota che i caratteri sono tutti uguali? Alcune mie conoscenze che non si fregiano del titolo di esperti ma fanno nella loro umiltà perizie calligrafe, hanno tutti notato subito che non era una mano umana.

Lascia un commento